Scopri come scrivere il volantino giusto, quello che vende e ti fa guadagnare!

Mi capita molto spesso di vedere volantini che hanno una pubblicità di immagine che è l’unica che non funziona per le piccole e medie aziende.

Quando scrivi un messaggio l’errore comune è guardare ad aziende di successo come Apple o Coca Cola che fanno delle pubblicità molto creative e alcune volte completamente scorrelate dal loro prodotto.

cocacoladownload

 

Ma bisogna sempre ricordare che sono leader del settore e hanno budget pubblicitari milionari. Se la pubblicità non riscuote successo non importa.

Ora se tu disponi di budget milionari questo articolo sicuramente non è per te.

Se invece non disponi di un budget milionario e devi far quadrare i conti leggi attentamente questo articolo perché ti permette di aumentare il fatturato con pochi semplici passaggi.

Per prima cosa bisogna ricordare che la pubblicità amplifica quello che facciamo quindi è di vitale importanza che se propongo prodotti o servizi di qualità queste caratteristiche siano reali altrimenti si ottiene l’effetto opposto.

Ecco cosa serve per scrivere un buon volantino

  1. Profilo del cliente
  2. Offerta credibile
  3. Inserire una call to action (chiamata all’azione)

 

PROFILO DEL CLIENTE

Sembra una cosa sciocca ma non lo è!

Per scrivere il messaggio giusto devi capire chi è il tuo cliente, che problema gli risolvi e perché deve scegliere te.

Ad esempio il mio cliente target non sono tutte le aziende, sono quei clienti che già utilizzano il volantinaggio e si sono trovati male.

Infatti il mio messaggio è rivolto a loro ecco perché spiego nel mio materiale pubblicitario come eseguo il lavoro e perché devono scegliermi.

 

OFFERTA CREDIBILE

Ovviamente l’offerta deve essere credibile altrimenti il volantino perde di interesse.

Se scrivo ottieni un prestito personale da 1milione di euro con la tua busta paga, è chiaramente un’offerta bella ma poco credibile.
Ecco perché l’offerta deve essere credibile e allo stesso tempo allettante per il cliente.

Ci sono vari modi per rendere le offerte allettanti il prezzo è una di queste ma in realtà è la via che sconsiglio perché è facilmente replicabile da un concorrente e riduce il nostro guadagno.

Un cliente ti sceglie perché hai delle caratteristiche che ti distinguono dai tuoi concorrenti. Hai un servizio migliore o una marcia in più rispetto agli altri o hai un servizio/ prodotto in esclusiva.

Dovresti sempre chiederti perché un cliente mi sceglie?

E utilizzarlo nella tua pubblicità.

 

CALL TO ACTION (chiamata all’azione)

Questa è la parte che nel 90% dei volantini che distribuisco non c’è!

La call to action è la parte più importante del volantino perché vende il tuo servizio o prodotto.

 

Un classico esempio di call to action è:

  • chiama subito e non farti sfuggire l’offerta (con numero di telefono subito sotto)
  • porta questo volantino in negozio e ottieni il tuo omaggio
  • vai nel nostro sito e iscriviti per ottenere il bonus

Il volantino non è un semplice messaggio pubblicitario ma fa parte di una strategia aziendale per acquisire nuovi clienti e vendere di più.

E tu sei sicuro che il tuo volantino funziona?

La CALL TO ACTION serve a misurare il ritorno economico della campagna pubblicitaria in maniera semplice:

Facciamo un esempio:

Stampo e distribuisco 1000 volantini costo € 150,00 con la seguente offerta:

Chiama entro il 30 Giugno questo numero e ottieni 1000 volantini distribuiti GRATIS su un ordine minimo di €300,00

 

Al 30 Giungo tiro le somme e ho ricevuto 15 chiamate che poi si traducono in 3 vendite da 300€

La campagna ha avuto successo?

Costo= € 150,00

Potenziali clienti:1000 corrispondono al numero di volantini

Ma di questi quanti si trasformano realmente in potenziali clienti?

15 diventano potenziali clienti perché mi hanno chiamato e hanno dimostrato un interesse verso il mio servizio e l’intenzione ad acquistare.

Quindi il costo reale di un potenziale cliente è

€ 150,00 /15 = € 10,00 mi conviene?

Vediamolo assieme

Di questi 15 clienti interessati solo 3 hanno poi concluso un ordine che ha portato nelle mie tasche € 300,00 ciascuno:

3 * € 300,00 = € 900,00

Ecco l’analisi finale:

SPESA/CLIENTI= COSTO PER CLIENTE

€150,00/3 =€ 50,00 Sono tanti soldi per acquisire un cliente?

In questo caso ASSOLUTAMENTE NO!

Se un cliente riacquista 2-3-5 volte all’anno anche un costo di € 50,00 diventa un costo irrisorio.

Quindi a fronte di una spesa di acquisizione cliente di € 150,00 produco un fatturato immediato di € 900,00.

Visto che sono al corrente che un cliente mi riacquista in media da 2 a 5 volte all’anno in questo caso produco un fatturato potenziale da € 600,00 fino a € 1500,00 a fronte di una spesa di € 50,00.

DECISAMENTE CONVENIENTE!

Ecco perché invece di investire subito € 5000,00 in volantinaggio per coprire più zone possibili consiglio ai miei clienti di fare dei piccoli test  e capire i costi di acquisizione cliente e fatturato potenziale.

La prossima volta vedremo come eseguire i test.

Se avete dubbi chiedi informazione per una distribuzione di volantini QUI

Volantinaggio nelle province di Trieste,Udine, Gorizia e Pordenonee e nel resto d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.